Connect
To Top

Christian Dior, primavera estate 2017, cosa c’è di diverso o speciale. Foto sfilata

Pizzo organza e tulle, vestiti con i tarocchi, abiti tutti bianchi gonne larghe e lunghe per Christian Dior primavera estate 2017. Le foto della sfilata

Maria Grazia Chiuri debutta con Dior per la nuova collezione primavera estate 2017 e tra sontuosi abiti da sera e originali mise da giorno rende omaggio anche a tutti gli stilisti che l’hanno preceduta tra i quali Raf Simons e Hedi Slimane che per Dior è stato direttore artistico della linea uomo

Dior donna collezione estate 2017

Cinghie e occhialoni da sole, uno stile da sportiva  e poi abiti da sera con lunghe gonne plissettate, pizzo per quelle lunghe – che assomigliano a vistosi tutù- e infine delicati capi da gala con tanto di riferimento all’antico gioco dei tarocchi.

E come per la collezione 2014 con Valentino, anche qui Chiuri si lascia ispirare dall’arte figurativa, e non abbandona il suo amore per i pizzi lunghi ed eleganti, seppur sperimentando di più ed esplorando nuovi stili in questa collaborazione con Dior.

Modelli: giacche a chiusura laterale con cinghie  pantaloni pinocchietto, felpe e canotte abbinate a gonne di pizzo a balze, corpetti fatti di merletto, mini abiti e lunghi abiti da sera.

Colori: Chiuri esordisce con il bianco, per poi proseguire con il rosso, total black, grigio chiaro, rosa salmone e pesca.

Abbinamento colori: Dior predilige le tinte unite per questa collezione primavera estate 2017. L’unico abbinamento significativo è bianco con nero. Il resto degli abiti è monocromatico con stampe.

Lunghezze abiti: Chiuri sembra preferire gli abiti lunghi e, come nella collezione di Valentino primavera 2014, non si tradisce . Tuttavia in questa collezione Dior sono presenti anche abiti a mezza coscia, e gonne sopra la caviglia.

Tessuti: in linea con il gusto raffinato che appartiene al mondo della danza classica cui  la stilista sembra fare riferimento nelle sue collezioni, anche in questa  collezione abbondano i pizzi, le organze, il tulle. Nella prima parte della sfilata, dove invece il linguaggio della stilista è completamente diverso, compaiono invece semplice cotone, pelle, per uno stile più aggressivo rispetto alle atmosfere sognanti cui Chiuri insieme a Piccioli ha  abitua i suoi spettatori. L’elemento di diversità in tutta la collezione è il nome Dior, che figura in quasi tutte le cuciture degli abiti e negli accessori e i tarocchi.

Accessori: décolleté a punta, stivali bianchi al ginocchio con lacci, occhiali da sole, cappelli a visiera, borse a tracolla e baguette a mano.

Trucco e capelli: chignon alto con o senza frangetta (la danza classica continua ad essere un’influenza importante), trucco delicato e naturale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SFILATE DONNA