Connect
To Top

Moda e business, Gucci recupera, ma Saint Laurent brilla e batte tutte le stime

Sospiro di sollievo per gli azionisti del Gruppo Kering, Gucci comincia a dare i suoi frutti, ma a fare il boom di vendite è Saint Laurent con un fatturato in crescita del 27,4 % nel 2015 rispetto all’anno precedente.

Saint laurent sfilata los angeles

Dovrebbe essere  un buon anno per il Gruppo Kering che possiede tanti marchi di lusso tra i quali: Gucci, Bottega Veneta  e Saint Laurent, nonostante il rallentamento che il  settore del lusso continua a subire.

La sorpresa  che fa tirare un sospiro di sollievo è Gucci che ha superato le   previsioni degli analisti finanziari, in sintesi le collezioni del nuovo designer Alessandro Michele sembrano piacere, visto che l’azienda ha comunicato che le vendite di Gucci  sono aumentate del 4,8% nell’ultimo trimestre del 2015.  Ma  da quanto si legge ci sarebbero  anche le vendite in promozione delle collezioni precedenti  che dovrebbero aver contributo.

Ma il vero risultato economico che ha battuto qualunque stima di analisti finanziari è stata la maison  Saint Laurent, che sotto la guida del geniale designer Hedi Slimane è rinata ed ha raggiunto numeri di vendita significativi, nel q4 il brand ha incrementato il fatturato del 27,4%  rallentamento o non rallentamento dei beni di lusso, insomma se c’è chi vende questo è Saint Laurent.

Peccato però che da tempo corrono voci che Slimane potrebbe lasciare  la maison francese, e questo  naturalmente è motivo di preoccupazione  a casa Kering, non sarebbe facile infatti sostituirlo il designer anche l’ultima collezione di Saint Laurent che Hedi Slimane  ha presentato a Los Angeles è stata  un successo

Il Gruppo Kering  ha tuttavia comunicato che è sua intenzione rallentare le aperture dei negozi, e che visti i risultati di bilancio manterrà il dividendo invariato a 4 euro per azione.

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.